Cornello del tasso
Lombardia

Cornello dei Tasso – In Val Brembana alla scoperta di uno dei Borghi più belli d’Italia

Conosci già Cornello del Tasso? Questo borgo è una frazione del comune di Carmerata Cornello, in provincia di Bergamo e non è solo uno dei borghi più suggestivi della Lombardia ma anche fra i Borghi più belli d’Italia.

La sua storia è davvero unica e ti sembrerà quasi di toccarla con mano passeggiando per le vie del borgo!

Si, perché a Cornello il tempo sembra essersi fermato in un’epoca ben lontana da quella moderna, fatta di continua connessione, frenesia, inquinamento e stress.

Quindi, se stai cercando un locus amoenus nel quale disintossicarti, seguire i ritmi lenti della natura, in perfetto mood sostenibile e green: Cornello dei Tasso è il posto che fa per te!

La nostra esperienza a Cornello dei Tasso

La nostra visita a Cornello dei Tasso è stata una fatalità e dobbiamo fare un’ammissione: non conoscevamo questo paese e non ci siamo finiti volontariamente.

Sentiero per Cornello

Bergamo era solo una veloce tappa intermedia del nostro viaggio – organizzato due giorni prima di partire – verso il Salone del Mobile di Milano.

Tuttavia, il destino ha voluto che il proprietario del B&B che avevamo prenotato ci chiamasse il giorno prima di partire dicendoci che avremmo dovuto trovare un’altra sistemazione, a causa di un guasto della sua caldaia.

Così, cercammo velocemente un altro alloggio, trovandolo proprio a Cornello dei Tasso.

Pensammo subito che fosse un nome curioso, ma non approfondimmo.

Cornello: un borgo fuori dal tempo

Le vie di Cornello del Tasso

Cornello dei Tasso è un minuscolo borgo medioevale edificato su uno sperone a strapiombo sul Brembo, nel comune di Camerata Cornello in Val Brembana.

Non potevamo di certo immaginare di andare a finire in un paese di poche decine di anime, piuttosto desolato e decisamente sconnesso dal resto del mondo.

E non stiamo esagerando: Google Maps indicava come punto di arrivo un parcheggio a ridosso di una mulattiera, al quale eravamo giunti dopo un bel tratto di strada sterrata.

Scesi dall’auto eravamo soli, immersi nel verde del bosco e con il suono di un ruscello e degli animali in sottofondo.

Non c’era traccia di un paese, né tantomeno del nostro B&B al quale avremmo dovuto arrivare secondo il navigatore.

Comunque, con non poca titubanza – tant’è che avevamo lasciato i bagagli in auto – ci siamo incamminati lungo il sentiero, seguendo il sesto senso di Filippo.

Sentiero per raggiungere Cornello

Dopo diverse decine di metri, in mezzo alla foschia, è apparso Cornello dei Tasso.

Successivamente abbiamo scoperto che il borgo di Cornello è effettivamente raggiungibile solamente a piedi.

Per farti comprendere il motivo di questa scelta consapevole, ti raccontiamo brevemente la sua storia!

La storia di Cornello: da polo commerciale a paese fantasma

Cornello è stato a lungo un centro importante della Valle Brembana.

Il borgo si trovava lungo la principale via di scambio commerciale con la Valtellina ed ospitava un importante mercato.

Tuttavia, alla fine del ‘500 iniziò l’isolamento del borgo, a seguito della realizzazione di una nuova strada alternativa alla via mercatorum.

Proprio per questo Cornello dei Tasso ha potuto conservare nei secoli il suo tessuto urbanistico originale.

Infatti, passeggiando nel borgo abbiamo scoperto esattamente la sua struttura medioevale ed abbiamo percorso la stessa via porticata sotto le arcate in pietra che un tempo ospitava le botteghe degli artigiani e dei commercianti.

Via Mercatorum a Cornello del Tasso

La famiglia Tasso e la nascita del primo servizio postale europeo

Inoltre, anche se oggi può sembrare paradossale, proprio a Cornello nacque il sistema postale europeo!

Gli inventori furono i membri della famiglia Tasso, la stessa del famoso letterato Torquato!

Essi iniziarono la loro attività di “mastri di posta” intorno al 1250, a piedi, poi a cavallo, fino a creare una rete di collegamenti postali tra le città di tutta Europa.

Pensa che proprio a Cornello dei Tasso è conservato il primo francobollo emesso al mondo!

Cosa vedere e cosa fare a Cornello dei Tasso

Cornello dei Tasso è una meta perfetta per concedersi uno stop dalla frenesia della vita quotidiana, abbandonare auto, telefono e computer ed immergersi nella verde e silenziosa natura.

Casa Torquato Tasso

Se sei un appassionato di storia, nel centro del borgo si trova il Museo dei Tasso e della Storia Postale (dove puoi vedere il francobollo da primato).

Inoltre, intorno al borgo puoi percorrere diversi sentieri che attraversano i boschi della Valle Brembana, all’interno del Parco delle Orobie bergamasche.

Infine, se vuoi dedicarti un momento di benessere nei dintorni di Cornello dei Tasso (come abbiamo fatto noi) in pochi minuti puoi raggiungere il centro QC Terme San Pellegrino!

Dove dormire a Cornello dei Tasso

Il B&B che ci ha ospitati – nonostante avessimo chiesto disponibilità un solo giorno prima – si chiama La Tana del Tasso.

Un edificio caratteristico dell’epoca, di recente ristrutturazione, affacciato sulle rive del Brembo.

La proprietaria, vedendoci disorientati ed incuriositi al nostro arrivo, ci ha raccontato del borgo e delle sue origini e ci ha accompagnati in un’ala non ristrutturata dell’abitazione, dove abbiamo scoperto ambienti, affreschi ed attrezzi di epoche passate, ancora intatti.

Le vie sotterranee di Cornello del Tasso

Ci sentiamo assolutamente di consigliarti questo B&B, sia per l’accoglienza della struttura che per l’ospitalità e la gentilezza della padrona di casa; come se non bastasse, il rapporto qualità-prezzo è ottimo!

Se vuoi fantasticare anche tu ascoltando i racconti di un host locale, clicca qui e prenota il tuo soggiorno presso la Tana del Tasso.


Se hai trovato interessante la storia del minuscolo borgo di Cornello dei Tasso condividi il nostro articolo sui social per farlo conoscere ai tuoi amici!

Se ti abbiamo incuriosito e non vedi l’ora di scoprire Cornello, scrivicelo nei commenti! ♥


Cerchi consigli e idee per le tue esperienze di viaggio sostenibili e con un tocco green?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

2 commenti

    • viaggiadori

      viaggiadori

      Ciao Jules, assolutamente si, se adori i piccoli borghi questo fa al caso tuo! 😍
      E’ un luogo autentico e davvero caratteristico. Noi purtroppo ci abbiamo trascorso solo una giornata ma la zona è ricca di itinerari da scoprire 🌱 ❤️

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: